Nasce Solar Impulse, l’aereo ad emissioni zero

2dee2107dc76dc746bf881fe7f52c6d2.jpg 
Ora, la parola d’ordine è “vendicare Icaro”, ovvero imbrigliare il sole costringendolo a darci l’energia per volare, scordandoci l’incubo delle ali sciolte dall’immenso calore immergendosi nel sogno di un volo che non inquina.

Un grande progetto svizzero è in campo: SOLAR IMPULSE

Un aereo con oltre 60 metri di apertura alare, fusoliera stretta, sei motori elettrici alimentati da 200 metri quadrati di cellule fotovoltaiche. Una forma che ha fatto della caricatura fantascientifica il suo aspetto. Nessuno sà se questo sarà il mezzo del domani, ma se ci pensiamo, neanche i fratelli Wrigh potevano immaginare cosa stava seminando il loro immenso talento!!!

La sola cosa certa è che tra pochi mesi, all’inizio del 2009, Solar Impulse effettuerà il suo primo decollo con l’obbiettivo di fare il giro del mondo entro il 2011. Sulla carlinga saranno ipressi i loghi degli sponsor: un gruppo chimico multinazionale, una marca di orologi svizzeri, una banca tedesca e l’UE.

Il vicepresidente della Commissione UE ha dichiarato:  <<non c’è ancora l’aereo del futuro>> ed ha aggiunto: <<e questo è il primo che comincia a assomigliarli>>. Col sorriso sulle labbra finge di smentirlo l’uomo che dal 1999 anima il progetto. Si chiama Bertrand Piccard e ha le sfide senza confini nel sangue. Suo nonno Auguste inventò la cabina pressurizzata e salì con un pallone stratosferico a 16 mila metri nel 1931. Il padre Jacques imboccò la direzione opposta e, nel 1960, portò il suo batiscafo a 11 mila metri di profondità nella fossa delle Marianne.

Non lontano da Zurigo stanno costruendo un hangar per realizzare il prototipo e passare al veicolo finale con i 40 milioni chesono stati stanziati per questo progetto. Peserà 1500 chili con la sua fusoliera monoposto in carbonio di 15 metri. Dal piano si prevede che l’aereo volerà 24 ore su 24 per almeno tre giorni. Le ali sono rivestite da 80.000 pannelli fotovoltaici che forniscono energia ai motori. La velocità di crociera si aggira intorno agli 80 km/h grazie anche alle batterie al litio con capacità di 200 eattora per chilo.

Non vedo l’ora di poterlo vedere da vicino! Si mormora nel nostro ambiente che anche la strumentazione, sebbene confome alle necessità di alleggerire quanto più possibile questa macchina, non abbia nulla da inviadiare agli aggiornatissini garmin 1000.

Se questo progetto avrà buon esito, forse, prima di invecchiare troppo, vedremo i nostri figli viaggiare in auto ad energia alternativa, aerei passare sopra le nostre teste silenziosissimi, moto che non lasciano quella puzza (io da romanticone la chiamo profumo) di benzina e potremmo, dico forse, dare un bel respiro a pieni polmoni senza poi piegarci a tossire!!!

A tal proposito, posterò prossimamente quanto la Lega Ambiente prevede per il 2108.

Nasce Solar Impulse, l’aereo ad emissioni zeroultima modifica: 2008-04-11T00:56:49+02:00da sognantepilota
Reposta per primo quest’articolo